PAULLO DONA CULTURA AL SENEGAL: UNA BELLA STORIA DI NATALE

Spediti quasi quattrocento libri in Senegal per l’istituzione di una biblioteca, attraverso cui si potrà apprendere la lingua italiana. Se le giovani menti dello stato dell’Africa occidentale avranno questa possibilità di crescita, gran parte del merito è dell’istituto comprensivo statale Eugenio Curiel.

Un filo immaginario si è teso tra il polo scolastico di Paullo e il liceo Elhadji Ibrahima Diop del  comune di Yeumbeul Nord, nella periferia di Dakar. La scintilla che ha innescato la lodevole iniziativa è scoccata in Moustapha Gueye.

«Lo scorso maggio il dirigente del liceo Elhadji Ibrahima Diop mi aveva anticipato che, da ottobre 2016, la lingua italiana sarebbe stata insegnata alle classi - spiega l’uomo -. Così, ho pensato di coinvolgere il mio amico Filippo Salmoiraghi (assessore comunale paullese ndr), conosciuto durante la mia permanenza a Paullo, tra il 2002 e 2005, chiedendogli una mano nella ricerca di volumi».

Il componente dell’amministrazione comunale, attualmente in carica, si è messo dunque in contatto con Cristina Cuppi, dirigente dell’istituto comprensivo statale Eugenio Curiel, che di buon grado ha aderito, affiancata dal corpo docente, alla realizzazione della biblioteca in Senegal, mediante una raccolta di libri non più utilizzati dagli allievi che avrebbero potuto riempire gli scaffali.

In particolare, un grande contributo l’ha dato il professor Vincenzo De Meo. «Dopo aver studiato la catalogazione Dewey e dato un’occhiata ai sistemi in uso, mi sono occupato di ordinare e classificare il materiale contenuto nella biblioteca scolastica del plesso di via Fleming con un software informatico - racconta -. Chiaramente, una volta terminata l’operazione, mi sono ritrovato in possesso di doppioni e libri eccessivamente datati che avrei dovuto gettare. Ho cercato di distribuirli anche ad associazioni di volontariato, ma invano». E mentre la speranza era sull’orlo della dissolvenza ecco la proposta tanto attesa. E quella che pareva un salita è diventata una discesa. Con una concatenazione positiva di persone ed eventi il carico di cultura - consistente in 386 libri - sul finire di novembre è giunto a destinazione. E per tutti è stata una grande soddisfazione.

«Questa donazione è solo uno tra i sei punti che abbiamo proposto nell’ambito di un progetto di  gemellaggio tra le due scuole - continua Moustapha Gueye -. Gli altri sono: scambio di  corrispondenza tra ragazzi; sponsorizzazione nei confronti degli studenti orfani da parte di volontari italiani, relativamente alla sfera scolastica, medica e alimentare; raccolta di materiale didattico per gli insegnanti; raccolta di attrezzature mediche e di farmaci generici per l'infermeria; organizzazione di soggiorni linguistici e culturali in Italia e in Senegal. Saremo lieti - aggiunge - che il comune di Paullo contribuisca alla concretizzazione del partenariato».

«Siamo orgogliosi che il mondo scolastico paullese abbia risposto con grande entusiasmo alla richiesta di sostegno senegalese - commenta Filippo Salmoiraghi, Assessore all’Ambiente -. L'Amministrazione Comunale sarà di supporto a questo scambio culturale e al neonato sodalizio tra i due istituti scolastici. Abbiamo deciso - conclude - di rendere pubblica questa notizia nella giornata dell’antivigilia di Natale, per far conoscere alla cittadinanza una bella storia che testimonia la solidarietà di cui è capace la nostra comunità. È anche il modo in cui l’intera amministrazione comunale intende rivolgere a tutti i concittadini il proprio augurio di buone feste!».

 

 

 

 

Via Mazzini, 28 - 20067 Paullo (Mi) - Tel. 02.9062691 Fax 02.90633292
Mail: protocollo@comune.paullo.mi.it
PEC: protocollo@pec.comune.paullo.mi.it
C.F. 84503130159

 

 

 

Questa comunicazione è stata generata tramite l'applicativo Gastone CRM